scaricare gratis il racconto

Racconto tragicomico: “Sofia” (ultima puntata)

immagine di un regalo con la scritta "pdf" e sotto la scritta "scarica gratis"– LUCAAAAA!
– LUCAAAAAAAAAA!
La voce tirata, nervosa, disperata, allarmata, allarmante è di mia suocera.
Ci risiamo? Ancora?

Ma stavolta conosco l’iter. Buio, carnevale, occhiali, letto privo di mogli (mi serve un harem), pantofole, corro (ma con meno foga della volta scorsa), spalanco la porta (più che spalancarla, la apro).

Solo che non conoscevo l’iter.

Stavolta Sofia è riversa a terra, stavolta ha gli occhi aperti, vitrei, un manichino, stavolta non ci sarà da ridere all’ospedale, stavolta il parcheggio all’obitorio non sarà uno sberleffo, stavolta Sofia è morta.

FINE

CLICCA QUI SE VUOI SCARICARE IL PDF CON IL RACCONTO COMPLETO
scarica gratis racconti

12 pensieri su “Racconto tragicomico: “Sofia” (ultima puntata)”

  1. Wow un caso di mala sanità su raccontiapuntate.it!
    Ed io che pensavo si fosse sentita male perchè incinta….boia c’ho preso di brutto!!

    Ma l’autopsia?!?

    1. effettivamente… la avevi indovinata pochino… ma pochino pochino 🙂

      comunque… vai a sapere… potrebbe darsi che fosse anche quello… aspettiamo i risultati dell’autopsia per saperne di più

          1. finali scontati su racconti a puntate nn ce ne saranno mai…ma ma ma ma un bel e vissero felici e contenti no??? nn dico sempre è….

          2. ahahah … mariangela, vediamo magari coi prossimi finali 🙂

            questo non potevo non farlo finire così… mi ci garba troppo! 🙂

          3. il nostro scrittore è emo, finali tragici perchè adora soffrire, a volte si taglia anche con la tastiera!!

  2. più che tragicomico… comico 8 puntate, devastante l’ultima!

    (sempre detto io che la toccata di tette lascia il tempo che trova! :P)

      1. daniele… onestamente penso proprio che susanna… non si riferisse al tipo di toccata di tette che pensi te! 🙂

        non la molestare con commenti impropri 🙂

    1. … eh sì … susanna… hai ragione su tutti e 2 i fronti!!!

      PS: spero che non sia stata troppo devastante l’ultima… fammi sapere se stanotte riesci a dormire 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.