scaricare gratis il racconto

Racconto umoristico: “Due amiconi e un libricino” (ultima puntata)

scaricare gratis il raccontoNon si sentivano da mesi.
Lui immerso nel lavoro, la famiglia, Francesca, i bambini piccoli, l’Inter, il Trazbospor, l’autolavaggio.
Lei immersa nel lavoro, lo smalto, la famiglia, il trasloco, lo smalto, la piscina, la connessione che fa le bizze, lo smalto. Soprattutto lo smalto.

Non si sentivano da mesi.

Lui prese il telefono.
La chiamò.
– Pronto?! – rispose lei con una voce squillante.
– Ti voglio bene!

Così. Senza nemmeno salutare.

– Anche io! – disse con naturalezza. Con la sua voce che sembra sempre ridere.
– Non dovresti essere a lavoro adesso?
– Sì, da mezzora. Ma lo sai …

Lo sapeva.

La puntualità è una cosa da grandi.

Se la immaginava all’altro lato della cornetta.

Si dava lo smalto. Sorrideva. Inclinava la testa di lato. Alzava le spalle. Come i bambini piccoli quando gli chiedi chi è stato.

Erano passati dieci anni.
Non si vedevano da tre.
Non si sentivano da mesi.
Ma non era cambiato niente.
Non era cambiato niente.

Ci sono due modi di regalare libri.
Lui sceglieva il primo. Quello standard.
Un po’ perché era uno preciso. Uno che non scrive sui libri. Di quelli che al massimo sottolinea. A lapis. Col righello. E solo sui libri di scuola.
Un po’ perché era preciso, un po’ perché non pensava fosse il caso di regalare il suo libro preferito.
Il suo libro preferito era … il Kamasutra.

 

FINE

CLICCA QUI SE VUOI SCARICARE IL PDF CON IL RACCONTO COMPLETO
scarica gratis racconti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.