Pozzanghera da cui esce un coccodrillo

Racconto per bambini cresciuti: “Il regno dei gelati” (puntata 5 di 9)

Pozzanghera da cui esce un coccodrilloClaudio riprese la sua di storie.
“La bambina era troppo piccola piccola piccola per quel mondo grande grande grande. Chissà che ne sarebbe stato di lei se non avesse incontrato il temutissimo, pericolosissimo, fortissimo orso di peluche …”

– ETTORE! – intervenne nelle storia Paolino.

“ … ehm … ok … Ettore … facciamo che si chiamava Ettore. Chissà che ne sarebbe stato di lei se non avesse incontrato il temutissimo, pericolosissimo, fortissimo orso di peluche Ettore, che la difendeva dagli spilungoni che camminavano senza guardare dove mettevano i piedi, che la salvava ogni volta che cadeva in una pozzanghera ed aveva l’acqua alla gola (era stato Ettore a rivelarle il segreto che aveva imparato nella scuola di addestramento per orsoguardiedelcorpo: ‘bevila! bevi l’acqua della pozzanghera, almeno la prosciughi e non affoghi!’) …”

– Fubbo! [furbo!] – disse Paolino, estasiato. Adesso anche lui conosceva quella tecnica segreta.
Con la bocca faceva il rumore di chi sta aspirando.
Come con una cannuccia.
Già si allenava.

“ … la difendeva anche dai bullidellamerenda! Paolino … per caso al nido c’è qualche bambino più grande che ti ruba la merenda?”

– No potta via merdenda! [nessuno mi porta via la merenda … guarda meno film, papà!]

“ … ok … dove ero rimasto? … ehm … poi la bambina piccola piccola piccola, divenne una donna piccola piccola piccola, ma una donna …”

– Donna nana! – intervenne Paolino.

Claudio si chiedeva come fosse possibile che suo figlio fosse così involontariamente porno.
Sovrappensiero soggiunse “tutta tana”.

– Tutta tana – gli fece eco Paolino.

Beh. Claudio si rispose alla sua domanda.
Padre sovrappensiero. Figlio porno.
Causa. Effetto.
Senza dubbio humeano. Aggiornate i manuali di filosofia. Hume si sbagliava.

– Va beh … non dire mai questa cosa …
– Donna tana tutta nana! – disse Paolino.

Claudio sospirò. Era dura tirare su quel futuro pornodivo.

… continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.