Foto di Michele Turini - TIC TAC

“Un giorno di ordinaria malinconia” (puntata 12 di 14)

Foto di Michele Turini - AddioTIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC TIC TAC …

Senza saper dove andare, si ritrova fuori di casa.
Senza un giacchetto.
Al freddo.
Inizia a camminare. Senza una meta precisa.
Si scopre in direzione del bar. Mentre pensa ai vecchi amici. E si dice che in fondo non è arrabbiato con loro. Cioè. Sì, lo è. Ma in fondo non è colpa loro. Ognuno ha i suoi problemi. I suoi impegni. E poi a lui per primo è capitato di dimenticarsi del compleanno di Manfredo.
Cazzo, che freddo!
Al bar sarà solo, ma, quantomeno, solo in mezzo alla gente. Sempre meglio che solo da solo. C’è solitudine e solitudine. Secondo alcuni la solitudine in mezzo alla gente è la peggiore. Forse perché non si sono mai sentiti soli da soli. Altrimenti si sarebbero ritrovati anche loro per strada. In direzione di un bar. Senza un giacchetto. Al freddo. O almeno così la pensa Claudio.
Cazzo, che freddo!
Arrivato alla porta a vetri del bar, Claudio posa la mano sulla maniglia.
Vede Nicola. Con i figli. Che se la ridono al bancone. Lo sguardo sul prepartita in tv.
“Ho un impegno”.
“Non sono in città”.
“Non posso vedere la partita”.
Eravamo amici, cazzo!
Eravamo migliori amici, cazzo!
Non ci dicevamo certe cazzate un tempo!

Toglie la mano dalla maniglia.
Riprende la via di casa.
Da solo.
Solo da solo.
Senza il giacchetto.
Al freddo.
Quella domenica sera.
21 dicembre.
Il giorno del suo compleanno.
Il giorno del suo quarantesimo compleanno.
L’ultimo giorno della sia vita.

DRIIIIIIIIIIIIIIIIIINNNNNNNNNNNNNNNNNN
DRIIIIIIIIIIIIIIIIIINNNNNNNNNNNNNNNNNN

– Pronto?
– Pronto Manfre, sono ancora al bar che aspetto che mi diano la torta. C’è stato un cedimento strutturale, diciamo ah ah ah! Stanno cercando di rendere la torta nuovamente presentabile. Sarà una torta un po’ rabberciata ah ah ah! A me non pare vero: ce la fanno pagare la metà. Però arriviamo con un po’ di ritardo. Quindi aspetta ancora un po’ a chiamare Claudio … non vorrei che ci vedesse arrivare con la torta in mano e addio sorpresa … già è andata a puttane la torta … ci manca solo che vada a puttane anche la festa!
– Sì, sì … non preoccuparti … mezzora più, mezzora meno … fa lo stesso …

… continua…

Scarica il pdf di "Un giorno di ordinaria malinconia" dal catalogo Feltrinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi un avviso se ci sono nuovi commenti. Oppure iscriviti senza commentare.